Passionist International Bulletin

The latest issue of the PIB, Passionist International Bulletin was published, entirely dedicated to the fourteenth General Synod. Inside: the report of Father General to the Synod, the Chronicles and the topics covered in synod meetings. We are publishing the reflection of the Secretary of the Synod, Father José Quintero Sanchez (SANG), summarizing the events that took place during the weeks of the Synod in Rome. Following the article, the download of the magazine.

Nel cammino della Ristrutturazione con generosità e speranza

“Generosità e speranza”. Sono questi, i due atteggiamenti che hanno caratterizzato
i membri di questo Sinodo 2010. E’ il
secondo, dopo la celebrazione del Capitolo
Generale 44 che, seguendo fiduciosamente la chiamata
dello Spirito, pose la Congregazione sul cammino
della ristrutturazione verso un nuovo dinamismo
nella Vita e Missione Passionista.
Ricerca e decisione caratterizzarono il Sinodo del
2008, celebrato in Cuernavaca (Messico), e questo,
del 2010, vorrebbe significare una verifica del cammino
scelto e percorso, ma anche un momento di
condivisione dei progetti pianificati e prontamente
realizzati ed infine, un riconoscimento dello sforzo
generoso rivolto alla ricerca, certamente non privo di
incertezze e di timore di fronte al nuovo.
L’Assemblea sinodale ha accolto con spirito aperto
le numerose relazioni presentate da ogni
Configurazione, la presentazione dei progetti nelle
tre aree della solidarietà proposte, formazione, personale
ed economia. 

L’Assemblea ha anche ascoltato
l’esperienza delle nuove presenze in Cina, Vietnam e
Nigeria ed infine il lavoro realizzato all’interno
dell’ONU. La relazione di Padre Ottaviano, divisa in
tre parti, ha gettato luce ed offerto argomenti spunti
di riflessione e di decisioni comuni che, unitamente
alla relazione del Consiglio Generale, trovano origine
dalla percezione peculiare che hanno del processo
di ristrutturazione a causa del servizio di animazione
che compete loro. Il coraggio di aprire le strade e
superare le difficoltà sorte all’impatto con nuovi
modi di essere, pur rimanendo uniti, si è concretizzato
in proposte relativamente ad una nuova capacità di
decisione e di esecuzione negli organismi delle nuove
Configurazioni e in un nuovo modo di gestire il ministero
dell’autorità. 

Con senso ecclesiale, il Sinodo ha vissuto il dolore
della Chiesa a causa degli abusi sessuali ai minori,
mostrando atteggiamento di misericordia verso le vittime,
condanna del male, aiuto agli aggressori e
responsabilità nella formazione dei candidati.
Ha anche programmato la partecipazione dei giovani
religiosi e dei membri della famiglia passionista
all’Incontro Mondiale della Gioventù a Madrid nel
2011. Ha altresì confermato i progetti di comunicazione
che tengono presente le nuove tecnologie, al
fine di realizzare una migliore comunione all’interno
della Congregazione e una presenza più intensa del
messaggio della Croce nel mondo di oggi.
In questo processo di rivitalizzazione, i membri
del Sinodo hanno sottolineato quanto sia importante
che tutti i religiosi e i membri della Famiglia
Passionista si
sentano e si riconoscano come partecipanti
attivi. 

E’
stato anche proclamato,
con
convinzione e
fiduciosamente,
che questo cammino
emerge
dal dinamismo
del Carisma
Passionista per
la Vita e la
Missione nel
mondo di oggi.
Il primo giorno
dell’incontro,
prima di cominciare ufficialmente il Sinodo, è
stato un giorno di formazione che ha avuto come
tema centrale il JPIC dal carisma passionista.
L’incontro è stato, nuovamente, caratterizzato da una
presa di coscienza dell’orizzonte che spinge molte
Congregazioni religiose ed altri movimenti affinché
sia raggiunto un compromesso evangelico con la
Giustizia, la Pace e la Integrità del Creato e quanto
questa dimensione sia profondamente presente nel
dinamismo della Memoria Passionis, proponendosi
come un modo di realizzare il nostro carisma.
Anche Padre Aquilino Bocos Merino, cmf con le
sue riflessioni ha gettato luce sul processo di ristrutturazione,
evidenziando priorità e proponendo criteri
di discernimento utili a dissipare dubbi e timori e
collocando tutto questo dinamismo nell’orizzonte
della Missione. 

I giorni sono trascorsi con serenità e molto impegno,
con stanchezza anche e ripetizioni, momenti di
progresso alternati a momenti di incertezze e di
discussioni, con desolazioni e consolazioni. Con
tutto ciò, confidiamo che lo Spirito costruisca la storia
della salvezza e realizzi di nuovo, nel mondo e
nella Chiesa, il Carisma della Memoria Passionis
concesso a San Paolo della Croce.
L’Assemblea sinodale invita tutta la Congregazione
a continuare ad approfondire optando per questo processo
di ristrutturazione nella solidarietà che porterà al
Capitolo Generale del 2012, durante il quale si prenderanno
decisioni strutturali che faranno crescere, con
fedeltà creativa, la vita e la missione passionista al servizio
del Regno di Dio nel nostro mondo.

Comments

comments

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com