+Suor Margherita del Sacro Cuore di Gesù
(Maria Antonia Albanese)

defunta (Monastero Passionista di Campagnano, Italia)

Suor Margherita del Sacro Cuore di Gesù, al secolo Maria Antonia Albanese, è nata a Massafra, Taranto, il 10 giugno 1927, da Francesco Albanese e Grazia Ristagni; era la terza di quattro fratelli.

  • Entrò nel monastero passionista di Campagnano il 2 luglio 1954.
  • Il 29 giugno 1955 vestì l’abito religioso delle Monache Passioniste; il rito fu celebrato dal P. Paolo Maria Totaro, Rettore della Casa Generalizia dei Passionisti dei Santi Giovanni e Paolo, in Roma.
  • Il 2 luglio 1956 fece la prima professione, il rito fu celebrato dal P. Bartolomeo Passionista.
  • Il 2 luglio 1959 emise la professione perpetua, il rito fu celebrato dal P. Samuele, Vicario della Casa Generalizia dei Passionisti di Roma.
  • Suor Margherita ha concluso la sua esistenza il 16 aprile 2015, ore 17.30. Era vive, ne siamo certi, con Gesù Crocifisso e Risosto nella gloria del cielo.

Dio di solito si serve di tanti strumenti umani per realizzare il suo progetto d’amore su ciascuno di noi. Cosi è avvenuto per la vocazione di Suor Margherita. La sua chiamata, infatti, è da collegarsi ai passionisti che in quell’epoca fecero la missione popolare a Massafra (i Padri Passionisti andavano nelle parrocchie specialmente in periodo quaresimale a predicare la Passione di Gesù, espressione suprema dell’amore di Dio per noi). La giovane Maria Antonia (Suor Margherita) era rimasta folgorata dall’amore di Gesù Crocifisso, annunziato dai Passionisti durante la missione. Cosi decise di far parte della Congregazione Passionista come religiosa contemplativa (monaca).

Purtroppo non poté realizzare subito il suo sogno di diventare la sposa di Gesù crocifisso, nel monastero, ma dovette attendere alcuni anni a causa di varie difficoltà nella famiglia alla quale era molto legata, essendo orfana della madre fin da piccola.

Il padre si risposò, e Maria Antonia ( Suor Margherita) fu molto felice e amava la seconda madre con vero affetto filiale. Come ci raccontava lei stessa, nella famiglia regnava oltre all’affetto, che legava tutti tra loro, anche la fede cristiana.

Una volta entrata nel monastero, ogni monaca prende il nome e cognome religioso. Maria Antonia cambiò nome e cognome divenendo Suor Margherita del Sacro Cuore di Gesù. È un programma di vita; lei voleva essere simile a Gesù, che ha amato l’umanità con tutto il suo cuore; infatti il Cuore di Gesù è sorgente di amore per ogni cristiano. Suor Margherita esprimeva la volontà di assomigliare a Gesù tramite la vita nascosta, la solitudine, la preghiera e il sacrificio quotidiano insieme alle consorelle. Faceva con amore i vari uffici che le venivano affidati, ma aveva una cura speciale per le ammalate. Si dimenticava di se stessa per dare il conforto e il sollievo alle sorelle malate.

Negli ultimi mesi ha affrontato la sua malattia con amore, accettando serenamente ogni sofferenza per amore del suo Gesù Crocifisso e offrendo tutto per la salvezza delle anime e del mondo intero….

 

Sr. Margaret Corona Pajo, CP

Superiora del Monastero Passionista di Campagnano (RM)

sbaldon