P. Nando (Ferdinando) Valsecchi di Sorella Povert

Nato a Carenno (LC) il 13 Gennaio 1960 da fù Giorgio e Maria Rigamonti, fu battezzato nella Parrocchia di S. Maria Immacolata di Carenno il 14 Gennaio 1960.
Ha conosciuto i Passionisti durante una predicazione nella sua parrocchia. In quella occasione presentò a p. Anastasio Peruzzo, uno dei confratelli predicatori, il suo desiderio di intraprendere la via della vocazione e fu messo in contatto con i confratelli di Carpesino d’Erba, dove entrò seminarista nel 1984.
Ha frequentato le Scuole Magistrali di Erba, conseguendo il Diploma Magistrale nel 1988. Da qui partì per il Noviziato, che fece per i primi mesi a Morrovalle (MC) e poi a Moricone (RM) dove emise la Prima Professione il 15 Settembre 1989. 
Partì quindi per Sezano (Verona), sede dello Studentato Teologico, dove intraprese gli studi teologici, i primi due anni (’89-’91) presso lo studio teologico S. Bernardino dei Francescani, e gli altri anni, presso lo Studio Teologico diocesano S. Zeno.
Emise la Professione Perpetua il 19 Ottobre 1993 a Ovada, nel Santuario di S. Paolo della Croce, appena ultimato per l’apertura dell’anno centenario della nascita del nostro Fondatore 1694- 1994.
A Verona fu ordinato Diacono l’8 Maggio 1994 e, dopo il conseguimento del Baccellierato in Teologia, il 3 giugno 1995 fu ordinato Sacerdote nella Cattedrale di Verona, insieme ai diaconi diocesani.
Giovane sacerdote fu inviato nella comunità di Basella, pensata allora come casa per l’accompagnamento dei giovani sacerdoti. Nel 1996 fu nominato vice Parroco della Parrocchia di S. Maria Goretti in Milano.
Qui svolse il suo ruolo di sacerdote animatore della pastorale giovanile e collaboratore del Parroco P. Felice Milani fino all’anno 2001, quando fu nominato vice Maestro dei Novizi. Si recò quindi nella casa di Noviziato presso la comunità della Presentazione al Monte Argentario (GR), divenendo collaboratore del Maestro p. Francesco Guerra fino al 2005. Durante questi anni, oltre a garantire il servizio di formatore dei novizi, si rese disponibile per la collaborazione con la Parrocchia di Porto Ercole nella pastorale giovanile e parrocchiale. 
Nel 2005 fu chiamato a rivestire il ruolo di vice Direttore nello Studentato teologico di Sezano (Verona), ruolo che coprì fino al 2007, quando la formazione dei giovani confratelli fu trasferita nella comunità di Roma. Durante questi anni P. Nando insieme ai confratelli studenti ha intrapreso la ricerca di vie per un’animazione di pastorale giovanile interparrocchiale e al tempo stesso ha cominciato a conoscere e a coinvolgersi in una pastorale rivolta ai giovani segnati dal disadattamento e dalla tossicodipenza. 
Nel 2007 si formò a Sezano una nuova comunità, dedita soprattutto all’apostolato itinerante e al servizio sul territorio. In questa comunità p. Nando ha rivestito il ruolo di Vice Superiore ed economo. Nel frattempo ha continuato il suo servizio di collaboratore stimato e ricercato delle comunità del CEIS (associazione di recupero per tossicodipendenti) presenti nel territorio. Questa sensibilità verso i giovani del disagio, P. Nando l’ha fatta crescere anche in altri giovani, coinvolgendoli in una passione per l’umanità, in un servizio volontario di vicinanza e di sostegno alle disgrazie dei loro coetanei. 
Dal 2008 p. Nando ha assunto anche il ruolo di Insegnante di religione delle Classi Superiori dell’Istituto Seghetti di Verona. Già durante la sua presenza a Milano come vice parroco aveva svolto il ruolo di insegnate, ma le Figlie del Sacro Cuore hanno chiesto la sua collaborazione, non solo per l’insegnamento, ma soprattutto per offrire agli studenti una presenza di ascolto e di accompagnamento, consapevoli della sua esperienza e della sua passione per la gioventù. 
Proprio dal suo impegno nella scuola ci arriva uno dei tanti flash che resteranno nel nostro cuore: poco prima della sua morte, avvenuta improvvisamente nella notte tra il 16 e il 17 Giugno, mentre, insieme alle Suore della scuola, stava concludendo la preparazione della celebrazione di chiusura per i maturandi, prevista il giorno dopo, ha scritto una preghiera da lasciare ai suoi ragazzi e inconsapevolmente a tutti noi. Eccola:
 
“Che l’amore e la gioia sia sempre con voi,
non lasciatevi trascinare nel deserto della tristezza e della disperazione,
lasciatevi guidare dal sorriso, dallo scherzo
perché Dio è luce, la luce è amore.
Mettete tutti i vostri pensieri e i vostri dolori nel cuore di Gesù
perché Egli è grande e meraviglioso e vi indicherà la strada migliore.
Camminate nella sua luce, io vi sarò sempre vicino” 
(P. Nando)

Lo raccomandiamo al Padre Misericordioso
che lui ha sempre testimoniato ai suoi giovani e ragazzi.

Lascia un messaggio di cordoglio per P. Nando sul sito della Configurazione CEB, qui: www.cebnews.eu/nando

admin