L

 

  L’Africa dà il benvenuto al Superiore Generale al suono della musica e dei tamburi

La configurazione dei Passionisti in Africa ha avuto un raduno speciale dei superiori delle entità che la compongono, inclusi i formatori ed economi, dal 10 al 15 febbraio nella comunità passionista di Ushirika, in Nairobi (Kenya).

Dal momento che è stato il primo raduno del genere dopo il Capitolo e specialmente dopo il decreto che ha reso i Vicariati CARLW, GEMM e MATAF dei Vicariati Generali, il Superiore Generale P. Joachim Rego accompagnato dal Consultore Generale P. Michael Ogweno ha preso parte a questo raduno.

Invitati speciali a questo raduno erano l’Economo Generale, P. Vincenzo Carletti e i PP. Jesus María Aristín e Aloyce Babene dell’Ufficio della Solidarietà e Missione. È stata una grande gioia vedere gente di ogni parte della Configurazione radunarsi insieme ed incontrarsi con il Superiore Generale.

 

Tra le molte questioni di cui si è discusso c’era anche come possano raggiungere l’autosufficienza non solo le tre aspiranti Vice-Province CARLW, GEMM e MATAF, ma anche SALV, che è già una Vice-Provincia. Questa è stata riconosciuta come una problematica davvero critica in quanto tocca l’intera Configurazione e il futuro sviluppo dei Passionisti in Africa. La presenza dell’Economo Generale della Congregazione, insieme con il Segretario dell’Ufficio della Solidarietà e Missione, serviva per indicare ai superiori della Configurazione alcune direzioni, incoraggiarli e rispondere a questa questione davvero urgente, alla presenza del Superiore Generale e del Consultore. Hanno fatto un buon lavoro e tutte le parti coinvolte si sono impegnate a lavorare insieme in quest’area per il bene dello sviluppo dei Passionisti in Africa.

Si son poste molte domande a proposito di che cosa comporti essere Vicariati Generali come è stato espresso nei decreti recentemente promulgati. Il Superiore Generale ha spiegato che l’essere indipendente dalla Provincia Madre come Vicariati è uno status transitorio che prepara a diventare Vice-Provincia. Ha spiegato anche che con la pubblicazione del decreto, l’autorità giuridica sopra i Vicariati è stata spostata dai Provinciali al Superiore Generale, ma che le Province hanno ancora un obbligo di sostegno ai Vicariati per la loro ricerca di auto-sufficienza. A questo fine, il Superiore Generale ha illustrato e sottolineato il lavoro della Commissione Trilaterale, che è stata identificata dal 46° Capitolo Generale come lo strumento con cui i Vicariati, le Province e il Generalato possono lavorare per far sì che ci sia una transizione dolce, pacifica e felice dei Vicariati al livello di Vice-Province. Questo viaggio ha avuto il suo inizio con il processo della ristrutturazione che era per amore della vitalità e missione dell’intera Congregazione e pertanto è molto importante che si dia una grande attenzione a questo da parte di tutte le entità che si preoccupano per la vitalità, la vita e la missione della nostra Congregazione in queste particolari entità.

Si è riconosciuto che c’è molto buon lavoro che è già stato fatto e che ancora si sta facendo. La Congregazione sta piantando le sue radici in Africa e la potenzialità di un futuro sviluppo e crescita è enorme. Abbiamo la speranza di costruire sul lavoro e i sacrifici di molti passionisti che faticarono e hanno dato tutto per stabilire la vita passionista nel continente africano. In connessione con ciò, non dobbiamo allentare la consapevolezza che apparteniamo ad un’unica famiglia, e ciò che tocca uno, tocca tutti noi. In questo spirito, condividiamo le gioie e i pesi gli uni degli altri come singoli passionisti e come entità e troviamo soluzioni per ciò che come famiglia ci preoccupa. Tenendo in mente questo, il Superiore Generale ha fatto un forte appello alla Configurazione per offrire sostegno per le Missioni in Nigeria e Mozambico.

Durante i giorni del raduno, il Superiore Generale ha avuto l’opportunità di incontrarsi privatamente con i superiori di ciascuna entità, per fare la loro conoscenza e per conoscere la particolare situazione e i bisogni di ciascuna entità. Alla fine dell’incontro, i superiori della CPA si sono uniti ai giovani passionisti in Kisima, che è il teologato passionista africano, per la celebrazione della eucarestia e la condivisione di un pasto.

Dopo l’incontro, accompagnato dal Consultore Generale e dai rispettivi superiori di ogni entità, il Superiore Generale ha proseguito la visita delle primissime costruzioni della vita passionista, comunità e missioni in Kenya e Tanzania. Durante queste visite, ha potuto essere testimone e vedere i vari risultati conseguiti e le sfide ancora sul terreno, in queste aree. Nonostante le distanze e le condizioni precarie di alcune strade, ovunque si recasse il Generale c’era aria di festa e il Generale veniva accolto con canti, danze e il suono dei tamburi africani. È la parte migliore è stata che tutti hanno ammazzato i loro vitelli ingrassati e preparato il pasto migliore per celebrare e dare il benvenuto al Superiore Generale.

 

P. Michael Ogweno, CP
Consultore Generale.

admin