La Commissione Storica informa…

Il 13 e 14 ottobre 2016, nella Casa generalizia dei santi Giovanni e Paolo la Commissione Storica si è ritrovata per il suo terzo incontro. Erano presenti tutti i membri: P. Alessandro Ciciliani (Presidente, MAPRAES), P. Robert Carbonneau (membro, PAUL), P. Andrés San Martin (membro, SCOR), P. Lawrence Rywalt (traduttore, PAUL), P. Pablo Gonzalo (membro, SCOR).

Intervento del Superiore Generale Joachim Rego

La presenza del Generale è stata soprattutto un supporto e un incoraggiamento al lavoro che la Commissione Storica sta svolgendo.

Il Generale ha menzionato l’importante contributo appena offerto al corso dei formatori, non soltanto per ricordare la nostra storia, ma anche per intenderla e applicarla ai nostri giorni.

Recentemente qui a Roma si è tenuto il Consiglio generale allargato con la partecipazione dei Presidenti delle Configurazioni ai quali il Generale ha detto di identificare persone che possano studiare la storia per svolgere poi questo servizio a vantaggio di tutta la Congregazione. Riguardo a tali collaboratori, il Generale si è riferito non soltanto a religiosi passionisti, ma anche ai membri della famiglia passionista: suore e laici. Una sfida, anche per il Consiglio generale sono le traduzioni: siamo sempre alla ricerca di persone che possano compiere traduzioni, questo campo è sempre molto limitato e fare traduzioni al di fuori della famiglia passionista è molto costoso.

Il Generale ha chiesto perciò ai Presidenti di Configurazione di considerare la possibilità che religiosi vadano a studiare per questo servizio. Secondo lui un aspetto importante è quello di connettere la storia con la nostra spiritualità, oggi, nel nostro presente. Certamente la storia parla del passato ed è molto importante per la nostra identità oggi.

Il Generale ci ha suggerito un piccolo progetto: come singoli o come gruppo (Commissione Storica), possiamo riflettere su questo e scrivere un breve articolo e pubblicarlo sul BIP o in Internet in modo tale da poterlo inviare a tutti religiosi. L’articolo appunto dovrebbe riguardare questo tema: l’importanza della storia, come la storia ci aiuta a leggere la realtà attuale.

Padre Robert ha preso la parola mostrando un hard disk contenente 191.000 tra lettere e foto riguardanti la presenza dei Passionisti in Cina e che lascerà come dono all’archivio generale.

Padre Pablo ha avanzato anche una petizione al Superiore generale in preparazione all’anniversario del 2020; il progetto che lui vorrebbe sottoporre al patrocinio del Generale è quello della traduzione delle fonti riguardanti San Paolo della Croce: le cinque fonti principali dovrebbero essere tradotte nelle tre lingue ufficiali della Congregazione. Questa è una carenza grave che noi storici notiamo nei giovani quando parliamo loro di San Paolo della Croce. Tali fonti sono le Lettere, la Regola, gli Annali, la prima biografia del Fondatore scritta da San Vincenzo Maria Strambi e i Processi di canonizzazione. Certamente occorrerà fare anche un preventivo economico per pagare i traduttori. Sono le fonti primarie per approcciare correttamente la figura di San Paolo della Croce.

Padre Pablo si è offerto per la traduzione in spagnolo di queste fonti. Se per il 2020 possiamo tenere nelle nostre biblioteche queste fonti, specialmente per gli studenti, noi potremmo avere la vita fondante della nostra Congregazione, un accesso di prima mano alle origini della nostra vocazione.

Il Generale ha detto che questo è un progetto affascinante, perciò vanno cercate altre notizie e comunicate alla Commissione così si potrà discutere dell’organizzazione del lavoro. Certamente quanto già fatto per il Dizionario della Passione è un ottimo esempio di collaborazione per la traduzione e il finanziamento.

Il Generale ha infine incoraggiato ad andare avanti e compiere questo progetto molto utile per tutta la Congregazione. È un progetto che coinvolge tutta la famiglia passionista dalle suore ai laici.

Relazione di padre Alessandro e discussione

Padre Alessandro ha letto la sua relazione.

Digitalizzazione dei libri ed e-book

Si è poi parlato della possibilità di digitalizzare i nostri volumi di storia della Congregazione per metterli su e-book, ma anche altri libri che riguardano la nostra spiritualità, in modo tale da poterli divulgare e comunque avere un tornaconto economico. C’è anche un appoggio da parte del Generale e dell’economo generale per l’acquisto uno scanner di alto livello proprio per digitalizzare i nostri documenti e libri.

Libretti della collana di Ricerche di Storia e Spiritualità Passionista

Riguardo ai libretti di Ricerche di Storia e Spiritualità Passionista, padre Robert ha chiesto quale dovrà essere il tema del libretto che dovrà scrivere per il prossimo anno.

Padre Alessandro ha risposto che il tema dovrà essere quello di questo anno: una continuazione della presenza dei Passionisti in Cina e nelle Filippine, la seconda parte del libretto che già aveva scritto alcuni anni fa. Il libretto dovrebbe essere scritto entro il mese di settembre. L’arco temporale che dovrebbe abbracciare questa ricerca andrebbe dal momento in cui i Passionisti passarono dalla Cina alle Filippine, nel 1958, fino all’erezione canonica della nuova Provincia intorno al 1972-ʼ73.

Padre Alessandro ha ricordato che il prossimo anno per la collana di Ricerche di Storia e Spiritualità passionista ci sarà il libretto di padre Robert, mentre lui dovrebbe scrivere il libro dei Papi e la Congregazione.

Padre Pablo ha ricordato che il prossimo anno ricorrerà l’anniversario della Guerra civile in Spagna e questo può essere un tema da sviluppare in questa collana di Ricerche di Storia e Spiritualità Passionista anche avvalendosi di collaboratori.

Su questo tema si potrebbe anche pubblicare un articolo sul Bollettino Internazionale Passionista (BIP). Questo lo ha ricordato anche padre Alessandro dal momento che tutti i membri sono chiamati a collaborare con questo nostro Bollettino ufficiale.

Padre Robert ha avanzato anche la proposta di pubblicare nella collana di Ricerche di Storia e Spiritualità Passionista di lingua inglese, una breve storia narrativa della Provincia Americana di San Paolo della Croce.

Articoli per il Bollettino Internazionale Passionista

Padre Alessandro ha ricordato come per il prossimo anno, riguardo agli articoli sul BIP, si possono prevedere i seguenti articoli: uno per il 150º della canonizzazione di San Paolo della Croce, un altro sulla Guerra civile spagnola e i Passionisti. Si è poi pensato, in base al centenario delle apparizioni mariane a Fatima, che un articolo potrebbe trattare il tema della devozione Mariana in San Paolo della Croce collegata con i messaggi di Fatima, come per esempio la penitenza.

Le traduzioni

Padre Alessandro ha proposto che riguardo alle traduzioni dei libretti della collana di Ricerche di Storia e Spiritualità Passionista si possa continuare sicuramente per l’indonesiano, mentre risulterebbe più difficile per il polacco (forse c’è una monaca) e il tedesco.

Lezioni di storia della Congregazione

Riguardo alle lezioni di storia nelle case di formazione padre Alessandro ha detto che durante il 2016 ha tenuto delle lezioni di storia della Congregazione ai novizi del Monte Argentario.

Secondo Padre Alessandro su questo punto bisogna essere più audaci cioè proporsi, perché c’è un campo enorme, non solo come attività, ma anche per far conoscere tra i giovani in formazione, novizi e studenti, nelle varie parti della Congregazione, la nostra storia tenendo corsi e lezioni da parte dei membri della Commissione Storica.

La partecipazione al corso dei formatori è stato un modo visibile per dire alla Congregazione che la Commissione Storica c’è e lavora. Queste lezioni date ai formatori sono state una visibilità importante per la Commissione Storica.

A tal proposito padre Pablo ha ricordato che il prossimo anno in Spagna ci saranno 13 o 14 novizi e perciò la stessa riunione che abbiamo fatto qui, si potrebbe tenere in Spagna al noviziato e unire il nostro incontro con le lezioni di storia ai novizi. Secondo lui è possibile unire entrambe le cose: la nostra riunione e il corso che potremmo dare novizi. A Daimiel ci sono poi religiosi che parlano correttamente sia l’italiano sia l’inglese, perciò non ci sarebbe neanche il problema dei traduttori.

Ogni anno perciò si può programmare un incontro in una diversa area geografica della Congregazione: un corso di storia tenuto dai membri della Commissione Storica.

Secondo padre Pablo la possibilità reale e fattiva di realizzare tale corso in Spagna è alta, e poi per l’anno seguente si potrà scegliere un’altra zona della Congregazione, in modo tale che si possa creare una continuità: la Commissione Storica ogni anno offre un corso di storia in una parte della Congregazione. Per esempio: Spagna, Africa e Indonesia per i prossimi tre anni.

Si è deciso di tenere il prossimo raduno, il quarto, in Spagna, subito dopo il corso che verrà tenuto ai novizi della Provincia SCOR.

Padre Pablo, conoscendo il ritmo del noviziato, che inizia nel mese di gennaio, ha suggerito la possibilità di tenere il corso durante il mese di ottobre.

PowerPoint sulla storia della Congregazione

Il PowerPoint sulla storia della Congregazione ancora è fermo anche se il Generale introducendo il nostro incontro ci ha ringraziato per questo lavoro. Secondo padre Alessandro l’impressione non è stata buona, tanto più che non è partita tutta l’opera di traduzione; siccome padre Andrés ha lavorato, occorre chiarire questa situazione, se cioè ci sia qualcosa da cambiare, da aggiungere o da togliere: questo andrebbe fatto. Se c’è qualcosa che non va bene, bisogna dire cosa non va, perché questa idea l’ha voluta il Generale con il suo Consiglio, ed è certamente un’ottima idea per inviare a costo zero, in modo immediato, la storia della nostra Congregazione a tutti i confratelli. La mole di lavoro è stata enorme, basti soltanto ricordare il numero delle diapositive, 600 in tutto. Padre Andrés ha ribadito che la sua idea nella strutturazione del PowerPoint era chiara, solo che chi lo ha ricevuto è possibile che non sia entrato nella sua logica.

Le storie locali e custodia dei documenti

Padre Alessandro, seguendo la sua relazione introduttiva, ha poi proposto di discutere sul tema riguardante le storie locali, aspetto che richiederebbe un maggior impegno come quello di parlare ai confratelli presenti sul posto, anche se ci sono delle realtà molto giovani ed è perciò difficile fare una storia. In questo momento quello che bisogna fare è di custodire i documenti e al massimo scrivere i primi 20 anni della loro storia, cioè sui primi missionari che arrivarono in quelle zone, perché poi diventerebbe troppo vicina ai nostri giorni.

Molte Province, Vice Province, Vicariati di recente fondazione non comprendono cosa significhi organizzare un archivio. Allora insieme all’archivista generale occorrerebbe dare delle linee direttive su come organizzare l’archivio di una comunità locale e della sede provinciale o vice provinciale. Che cosa sia necessario conservare e che cosa invece no.

La Commissione Storica ha dunque il compito non soltanto di aiutare a scrivere la storia, ma anche di conservare la storia attraverso i documenti che vanno salvaguardati negli archivi locali.

Logo della Commissione

A questo incontro ci sono stati poi altri suggerimenti: al posto della data MDCCXX ci andrà la scritta Commissione Storica in latino Commissio Historica e i raggi esterni verranno tolti. Padre Alessandro contatterà il grafico per apportare i cambiamenti richiesti e così ottenere il logo definitivo.

Volume unico sulla storia della Congregazione

Padre Alessandro ha poi introdotto l’argomento del volume di sintesi sulla storia della Congregazione ribadendo ancora le diverse parti che ogni religioso dovrà compiere.

Il volume unico della nostra storia dovrebbe essere un riassunto creativo, certamente è sufficiente una sintesi, ma chi vuole può fare anche ulteriori ricerche, non deve essere necessariamente qualcosa di nuovo, una nuova ricerca, ma un volume riassuntivo. Chi riesce a fare qualche nuova ricerca può farla, ma occorre rifarsi sempre all’obiettivo: quello di arrivare a più persone, al di là della Congregazione, con una storia che si possa leggere, che abbia perciò un taglio divulgativo.

Padre Alessandro ha ribadito che il volume completo sarà al massimo di 300 pagine o poco più, e ogni sezione si rifarà al volume maggiore da cui si parte: potrebbe essere un capitolo del libro che poi potrà avere varie suddivisione in paragrafi. Tutto questo però andrebbe preparato per il 2020, cioè per i primi mesi di quell’anno perché poi occorrerà fare le traduzioni.

Quadri dei confratelli

Altro argomento portato sul tavolo da padre Alessandro stato quello dei ritratti dei nostri confratelli: ora tutto è nelle mani dell’economo generale. La Commissione ha fatto le sue proposte per cui ora bisogna soltanto attendere le decisioni che verranno prese. Padre Pablo ha ricordato come già padre Aita Patxi sia venerabile, per cui dovrebbe già essere presente ai santi Giovanni e Paolo.

Terzo centenario della Congregazione

Riguardo le proposte che andavano presentate per il terzo centenario, padre Alessandro ha ricordato che ci sono stati vari suggerimenti inviati ad una commissione, presieduta da padre Ciro Benedettini che ha il compito di realizzare concretamente tali iniziative. È piaciuta la proposta di padre Robert riguardo alle devozioni passioniste nel corso della storia della Congregazione. Padre Alessandro ha parlato con padre Ciro dicendogli che i membri sono molto impegnati nel loro ministero locale e come storici, in più la Commissione Storica possiede un suo programma, perciò non riuscirà ad accollarsi ulteriori lavori rispetto a quanto già stabilito.

Commissione di sorveglianza degli archivi

L’ultimo aspetto trattato da padre Alessandro nella sua relazione introduttiva è stato quello della commissione di sorveglianza in cooperazione con l’archivista generale e alcuni collaboratori laici, al fine di migliorare la conservazione dei documenti in archivio.

Bilancio economico della Commissione

Si è passati poi al quarto punto dell’ordine del giorno, cioè il bilancio economico della Commissione Storica. Padre Alessandro ha ricordato che lo scorso anno padre Pablo aveva preparato il bilancio preventivo per il 2016 che poi lui lo ha presentato nel gennaio di questo anno al Consiglio generale: alcune voci sono state approvate altre no. Padre Alessandro ha presentato le spese compiute dall’inizio dell’anno fino al momento presente, il resto verrà poi integrato successivamente in modo tale che padre Pablo potrà fare il bilancio consuntivo e preparare così il preventivo del 2017.

Padre Alessandro ha anticipato come per il 2016 le spese sono state inferiori rispetto al preventivo…

Sito della Commissione

Nel riprendere un aspetto della sua relazione, padre Alessandro ha chiesto alcuni suggerimenti riguardo al link della Commissione Storica sul sito della Congregazione: andrebbe certamente arricchito, non soltanto con gli atti del nostro incontro annuale, ma anche con le attività dei membri, scrivendo poche righe e inviando alcune foto; di quanto cioè si va facendo per promuovere la storia della Congregazione.

In aggiunta a questo, padre Alessandro, ha chiesto ai membri di inviargli una breve biografia, con indirizzi e-mail e contatti vari per metterli sul link della Commissione.

I lavori sono terminati alle 18:45 di venerdì 14 ottobre.

P. Alessandro Ciciliani

Presidente della Commissione Storica

Comments

comments

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com